• This email address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it.
  • +39 3474466523
  • This email address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it.
  • +39 3474799800
  • This email address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it.
  •  +39 3283320059

Kali Arnis Escrima

Il Kali è una arte marziale Filippina.

Le sue origini sono lontane e incerte, si sa che una arte di combattimento era insegnata presso i vari villaggi e gruppi Filippini, con stili diversi. E vari furono i nomi con cui ci si riferì ad essa nel tempo. Escrimia, Arnis, sono altri nomi per definire l'arte di combattimento Filippina. Arte che non si sviluppò in palestre e per scopi sportivi, ma fu direttamente praticata per la difesa delle Filippine dai molti invasori che si presentarono nei secoli, Orientali e occidentali. E' quindi elemento di base l'uso delle armi bianche. Si tratta quindi di un sistema di combattimento estremamente pratico e reale, che fu mantenuto nascosto agli stranieri o cammuffato da danza fino ai primi del 900. E intanto si elaborò, introducendo nuove meccaniche e armi nel tempo e nella pratica.

Fu negli anni 20 che il maestro Venancio Ancion Bacon aprì la prima scuola pubblica, trasformando di fatto la kali da un metodo di combattimento segreto per i guerrieri Filippini in una arte marziale moderna. In occidente fu il maestro Dan Inosanto a codificare tra tanti stili un sistema generale di Kali e diffonderlo. LA TECNICA Le Filippine subirono parecchie invasioni, da Magellano agli spagnoli, dagli Americani ai Giapponesi. Contro ciascun invasore affinarono la loro arte di combattimento, spesso efficace nonostante la superiorità militare e tecnologica dei nemici. Da ciascun invasore appresero anche tecniche di combattimento che integrarono nella loro arte (ad esempio la scherma dagli Spagnoli). Le armi sono la base quindi di quest'arte, sviluppata per i guerrieri e per il combattimento da strada, entrambe forme reali di combattimento, che non permettevano fronzoli.

Quindi altra prerogativa del Kali è la sua efficacia pratica. L'uso delle armi, e la difesa a mani nude da armi sono il nucleo di questa arte. Il combattimento è contemplato per intero, dalla lotta a distanza di colpi o armi, sino al corpo a corpo e alla lotta a terra. Per la sua praticità viene spesso associato al Jeet Kune Do e allo street fighting, ed è stato adottato da molte forze speciali come difesa personale. Le Armi sono: Bastone, doppio bastone, bastone medio e lungo, spada e daga (o bastone e coltello) coltello, doppio coltello, e catene.